• Consorzio Sale della Terra ETS Via San Pasquale,49-51-53 82100 Benevento consorziosaledellaterra@gmail.com
  • Apertura Uffici: Lun-Ven: dalle 9.00 alle 19.00 Apertura Store: Lun-Sab: dalle 9.00 alle 13, dalle 16 alle 20
  • GIORNATA MONDIALE DEL RIFUGIATO

    Appuntamento giovedì 20 giugno alla Fattoria Sociale di Casa Betania, a partire dalle 11.00, in occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato 2019. Protagonisti saranno i ragazzi accolti negli SPRAR che avranno l’occasione di mostrare la propria inventiva e fantasia e di mettersi alla prova in una gara di creatività, nel concorso chiamato “creatività senza confini”.

    Divenuta ormai appuntamento fisso annuale, la Giornata internazionale del rifugiato, indetta dalle Nazioni Unite, viene celebrata ogni 20 giugno per commemorare l’approvazione nel 1951 della Convenzione relativa allo statuto dei rifugiati da parte dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite.

    Tale ricorrenza viene festeggiata a partire dal 2001, cinquantesimo anniversario della suddetta Convenzione, ed ha col tempo assunto un valore simbolico molto forte, in quanto il periodo storico che viviamo, caratterizzato da un numero crescente di persone che migrano in cerca di condizioni di vita migliori, tende a creare sempre più spesso un clima di diffidenza e pregiudizio nei confronti di queste persone, un clima che va in conflitto con i principi di umanità cristiana e di rispettosa e solidale accoglienza verso lo straniero bisognoso.

    La Giornata Mondiale del Rifugiato è quindi molto importante per le persone sul tema delle migrazioni e dei rifugiati, celebrandone la forza, il coraggio e la perseveranza, e mostrando al mondo intero quanto tristi e sfortunate siano i destini e le storie di milioni di famiglie, costrette ad abbandonare la propria ca

    sa verso paesi lontani in cerca di una vita migliore.

    Vi aspettiamo in tanti per conoscere un universo che troppo spesso avvertiamo come lontano ed estraneo alla nostra quotidianità (ma che in realtà ci riguarda più di quanto pensiamo) e per mostrare la nostra vicinanza ai rifugiati, persone spesso bistrattate ma che meriterebbero un futuro roseo lontano dalle discriminazioni.